20.30: FABIO MINA – solo
21: buffet
21.30: AY! “Sanba” (avant latin)
+ Lorenzo Nada (dj set)

FABIO MINA

Si è diplomato nel 2004 al Conservatorio di Pesaro e dal 2000 si è dedicato alla composizione. Durante gli anni del conservatorio, parallelamente agli studi accademici, ha iniziato l’esperienza dell’ improvvisazione, inizialmente in un contesto jazzistico poi in uno spazio musicale che non avesse confini.
Ha studiato la musica del nord dell’India, del Giappone e Persiana e dal 2002 ha cominciato lo studio del Bansuri (il faluto traverso indiano), del dizi e del bawu (due tipi di flauti cinesi), del duduk (oboe armeno) dello shakuhachi (flauto giapponese della tradizione Zen) e del ney (il flauto tradizionale turco).
Si interessa da tempo di musica antica e sacra di diversa provenienza geografica.
Ha frequentato workshop di Markus Stockhausen, Kenny Wheller, Tristan Honsinger, Sascha Armbruster, Burkhard Beins, Orm Finnendahl.
Collabora da anni con Markus Stockhausen, il quale partecipa al progetto discografico “VIREO” nel 2011. Leggi: http://www.aktivraummusik.de/it/cddetails,106?sess=94ac1a219887197f3aa422d18e136765

AY!

Prendete il folklore sudamericano, aggiungete poliritmi africani e velleità caraibiche. Capovolgeteli, spezzettateli, esasperateli e inseriteli in contesti malleabili e coinvolgenti di funk, punk-jazz e noise. Avrete allora “Sanba”, opera prima del trio avant-latin AY! (Megasound 2011)
Nato dalla sinergia di elementi di spicco della scena jazz e di avanguardia romana, di cui due di base nella capitale e uno in trasferta a Bruxelles, AY! prende spunto dagli stili e dalle esperienze musicali maturate in gruppi attivi nei circuiti dell’underground europeo, in particolare Squartet per Marcucci e Di Gasbarro, e Heinz Karlhausen & the Diatonics per Martini. Composto ed arrangiato necessariamente a più riprese vista la distanza che separa i tre musicisti, “Sanba” è il primo Ep del trio, il risultato di frenetiche sessioni di prove chiusi in garage tra aprile e novembre 2011 e arricchito poi in studio da collaborazioni con illustri musicisti esterni come il sassofonista Carlo Conti e il percussionista Nique Quentin.

Musicista eclettico, compositore, arrangiatore, insegnante di musica e turnista, Fabiano Marcucci ha lavorato con artisti pop italiani come Nada, Antonella Ruggiero, Ardecore, ha collaborato con l’Orchestra Parco della Musica Contemporanea Ensamble e ha composto musica per spettacoli teatrali e sonorizzazioni di film. Suona nel duo classico Marcucci/Tarducci, in orchestre sia classiche che jazz e in gruppi d’avanguardia come gli Squartet.

Romano ma stabilitosi a Bruxelles dopo essersi diplomato in sassofono jazz al conservatorio di Rotterdam, Daniele Martini si sta gradualmente affermando come una voce originale nel panorama musicale europeo, con collaborazioni illustri quali quella con Nate Wooley e con Jozef Dumoulin, il trio con i britannici Mark Sanders e Dominic Lash e i progetti Roll Call e Tetterapadequ, con cui ha inciso per l’etichetta di fama mondiale Clean Feed. Fa parte di progetti musicali dagli stili molto diversi con cui si é esibito in diversi paesi europei e non: dall’afrobeat di World Squad che lui stesso dirige, spesso affiancato da Kologbo degli Africa 70 di Fela Kuti, al brutal-jazz Heinz Karlhausen & The Diatonics, di base a Rotterdam, l’impro-jazzrock di Mulabanda, il jazz contemporaneo di Noi Trio. Di recente formazione é un quartetto con Sanne van Hek e Michel Hatzigeorgiu degli Akamoon, incentrato sul repertorio di Ornette Coleman e la scuola di Tristano.

Marco Di Gasbarro dal 1996 suona la batteria in gruppi punk, jazz e di avanguardia, tra cui il trio Squartet, con Fabiano Marcucci al basso e Manlio Maresca alla chitarra, con cui ha all’ attivo due album e una decina di tour in Italia ed all’ estero. Come batterista ha collaborato con artisti italiani ed internazionali: Okapi (turntablist), Fabio Recchia (live electronics), Ava Mendoza (chitarra), Joe Lally (basso), Alessandro Riccardi (chitarra), Luca Venitucci (fisarmonica).
Percussionista e vibrafonista, curatore e performer di sonorizzazioni dal vivo di film e spettacoli teatrali (con il gruppo di videomakers Aqua Micans, teatro Vascello, teatro di Tor Bella Monaca di Roma), si è esibito in contesti di musica classica contemporanea alle percussioni (pezzi di Steve Reich con la IUC, Aula Magna della Sapienza) e al piano (Erik Satie, all’ interno del “Festival delle Scienze 2012”, Auditorium Parco della Musica).

http://aytheband.bandcamp.com/album/sanba

Lorenzo Nada
www.godblesscomputers.com