20.30: GIANCARLO BIANCHETTI
21.00: BUFFET DELLA FAVELA
21.30: DOgs
+ DJ NADA

Ultimo appuntamento di questa estate musicale alla Favela.
Ma la pioggia? Fa bene alla terra, ecco perché se pioverà, come dicono i meteo, non ci arrabbieremo!
In caso di PIOGGIA il Calar del Sol verrà spostato al Lunedì sucessivo, il 10 settembre. Stesso programma e certamente un buffet dell’orto generoso.
Tenetevi aggiornati sulla nostra pagina fb.GIANCARLO BIANCHETTIBIANCHETTI presenta alla Favela il suo primo disco da solista.
Diplomato a pieni voti in chitarra presso il conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara con il M° Leonardo De Angelis, studia parallelamente chitarra jazz e armonia funzionale col M° Antonio Cavicchi. Dai primi anni novanta svolge una intensa attività concertistica che lo porta a incontrare e suonare con musicisti come Jack Walrath e Tony Castellano (jazzIvrea’91) Steve Grossman, Tony Scott, Carlo Atti (jazz al Capolinea), Marco Tamburini (Umbria Jazz ‘93 in trio con Paolo Ghetti al contrabbasso), Ares Tavolazzi, Sandro Gibellini, Piero Odorici, Pietro e Marcello Tonolo, Luciano Milanese,Tullio De Piscopo, i fratelli Pingone. Dal 1990 collabora con la cantante bolognese Silvia Donati, con la quale, condividendo la passione per la musica brasiliana, incontra il chitarrista-cantante brasiliano Zeduardo Martins e il bassista afro-romagnolo Davide Garattoni; nasce così il primo nucleo del gruppo Arcoiris. Dal ‘95 al 2004 circa ha fatto parte del gruppo che accompagna il cantautore Vinicio Capossela, con cui partecipa alla registrazione di tre CD (il Ballo di S.Vito, LiveinVolvo, Canzoni a manovella).

DOgs

DOgs (jazz/rock/elettronica) DOgs è un progetto musicale che abbraccia diversi linguaggi, dal jazz al rock, per arrivare fino all’elettronica. Nasce da un’idea del trombonista Marcello “Jandù” Detti con lo scopo di avvicinare tra loro strumenti acustici tradizionali con strumenti elettrici ed elettronici, per creare una sorta di “pentola magica” di suoni. Le composizioni, tutte originali, derivano da una miscela di tromboni, saxofoni, chitarre e conchiglie suonate come se fossero un unico strumento a fiato, che dialogano tra di loro in un’incalzante improvvisazione dai ritmi jazz, rock, drum&base e swing elettronici. L’elettronica dal vivo ha il divertente compito di prendere il tutto e riproporlo a volte distorto, a volte stravolto, diventanto un importante ingrediente per aggiungere un po’ di “pepe” alle dinamiche del soundIl progetto DOgs vede la partecipazione di nomi importanti della scena jazz/improvvisativa italiana. I suoi componenti sono: Beppe Scardino al sax baritono e clarinetto basso (baritonista di Gianluca Petrella e collaboratore di musicisti come Toni Cattano, Francesco Cusa, Pasquale Mirra ecc.), Marco Frattini alla batteria e rumorosi oggetti (vincitore premio Tenco con Max Manfredi, inoltre collabora con Pasquale Mirra, Giancarlo Bianchetti, Giancarlo Giannini, Giacomo Toni e la 900 Band ecc.), Massimiliano Amadori alla chitarra elettrica (componente dello storico gruppo dei Mazapegul, ha collaborato con il grande Mark Ribot e, ancora, con Jang Senato, Gli Ex ecc.), Franco Beat all’elettronica dal vivo (manipolatore sonoro di artisti come John De Leo, Gianluca Petrella, Gianni Gebbia) e infine Marcello”Jandù” Detti al trombone, basso tuba, conchiglie e direzione orchestrale (collabora con Giacomo Toni e 900 Band, Saluti da Saturno, Nobraino, Antonio Coatti, Fratelli Brassi, Banda Olifante). Il live dei DOgs si basa su un un’ora di musica ricca di colori, sia a livello ritmico che a livello di suoni, utilizzati con lo scopo di incuriosire il pubblico e creare stupore anche a livello visivo, grazie all’utilizzo inedito di strumenti come conchiglie marine giganti, trombe a coulisse, clarinetti bassi e altre curiose trovate.